Trentino
     

Calce e Cemento: qualità e resistenza in un unico prodotto

Per più di un secolo cemento e calce si sono contesi il primato di legante principe dell’edilizia, ma in certi casi il loro utilizzo combinato permette di raggiungere straordinarie performance di resistenza e lavorabilità.

Dopo fango e gesso, la calce idraulica ha dominato i cantieri di mezzo mondo per quasi due millenni, permettendo la realizzazione di opere prima inimmaginabili, come il Pantheon, il Colosseo, l’Arena di Verona, le grandi cattedrali e i palazzi reali. Oggi Miniera San Romedio produce la migliore calce idraulica naturale sul mercato, grazie alla tecnologia e uno sguardo fisso sulla tradizione costruttiva del nostro Paese. Dalla sua invenzione nel 1824, però, il cemento ha velocemente scalato le classifiche fino a conquistare praticamente tutto il mercato delle costruzioni.

Il cemento ha un processo produttivo molto più complesso, richiede temperature molto più alte di cottura (quasi 1500 gradi contro i 900 della calce) e una maggiore varietà di elementi chimici (ossido di calcio, ossido di silicio, ossido di alluminio, ossido di ferro e ossido di magnesio, rispetto al semplice carbonato di calcio e argilla, necessari a produrre la calce idraulica naturale).
Il grande vantaggio del cemento è una maggiore resistenza meccanica, oltre che altre carattarstiche per speciali formulazioni, che ha permesso di costruire grattacieli e superare limiti prima irraggiungibili.

A cosa serve miscelare calce idraulica e cemento?

Miscelare nelle giuste proporzioni calce idraulica naturale e cemento permette di produrre materiali con i vantaggi di entrambi, la resistenza meccanica del cemento e la lavorabilità della calce. Proprio grazie a questa sapiente miscelazione, i prodotti Tassullo sono i più apprezzati in assoluto, soprattutto in termini di affidabilità e lavorabilità.



Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato
Richiedi informazioni
Compila il form ed inviaci la tua richiesta.


unchecked checked